Grafico Candlestick

Grafico Candlestick 2018-02-28T12:56:40+00:00

Grafico Candlestick (a candele giapponesi)

Una volta capiti i grafici lineari e i grafici a barre l’aspirante trader può ora dedicarsi a comprendere il grafico maggiormente utilizzato e diciamo quello più affidabile per effettuare l’analisi tecnica prima di iniziare una sessione, stiamo parlando del famosissimo grafico a candele giapponesi (candlestick). Questo speciale grafico viene definito in questo modo proprio perché veniva utilizzato dagli analisti giapponesi già nel 18° secolo per studiare l’andamento dei prezzi nel mercato del riso. Il grafico attraverso la sua semplicità è in grado di fornirci molte più informazioni rispetto al grafico lineare o a quello a barre. Ma vediamo un esempio di questo tipo di grafico:

 

candlestick-1024x400

 

Nel grafico a candele ritroviamo gran parte delle informazioni presenti in quello a barre, ma con un modo di rappresentazione diverso e più dettagliato, come possiamo notare il time frame (durata della sessione) è racchiuso in corpo ben delineato, infatti abbiamo la candela che indica il prezzo di apertura e chiusura dell’asset, poi abbiamo l’asse (chiamata shadow) che rappresenta il prezzo minimo e il prezzo massimo raggiunto dall’asset nel time frame di riferimento che vi ricordiamo può essere da 60 secondi fino anche a una o più settimane.

Spieghiamo nel dettaglio queste nuove figure presenti nel grafico a candela aiutandoci con il riquadro in basso:

 

candlestick-due

 

Come possiamo notare al punto n 1 abbiamo il prezzo di apertura dell’asset e al punto n 2 il prezzo di chiusura, questi due prezzi vanno a formare la candela che formerà il punto n 5 ovvero l’estensione del prezzo (real body), ai punti n 3 e n 4 troviamo rispettivamente il prezzo massimo  e il prezzo minimo raggiunto dall’asset nello specifico time frame che in questo caso è di 1 ora, in gergo il prezzo massimo viene definito upper shadow e il prezzo minimo lower shadow. Per quanto riguarda i colori vale sempre la regola che abbiamo imparato con il grafico lineare, ovvero il verde rappresenta l’aumento del prezzo di un asset in quella sessione, mentre il rosso la diminuzione del prezzo dello stesso.

Questi tipi di grafici vengono molto utilizzati dagli analisti perché forniscono segnali e danno indicazioni riguardo l’andamento dei prezzi di un asset inoltre aiutano a prevedere il futuro trand di un asset riducendo i rischi di perdite.

Prima di immergersi a capofitto nel mondo delle opzioni binarie il nostro staff consiglia sempre di dedicare del tempo allo studio dei grafici e di fare pratica seguendo le indicazioni presenti sul nostro sito.

*Il tuo capitale protrebbe essere a rischio.